Editoriale

Russia: l’Apocalisse come pratica politica 

gg453s9l

La politica e l’inversione del tempo 

Secondo l’accademica dell’Institute of Technology della Georgia, Dina Khapaeva1, il neomedievalismo politico è diventato fondamentale, come fascinazione, per la memoria politica del regime di Putin con i suoi aspetti antidemocratici, incluse le estreme ineguaglianze sociali, la violazione delle libertà personali, la monarchia dispotica, il regno del terrore e la costruzione dell’impero. Nonostante l’ispirazione e le affermazioni premoderne, è un fenomeno prettamente moderno che legittima nuove forme di illiberalità piuttosto che ricreare le vecchie. Il neomedievalismo non è il primo tentativo in tempi moderni di cercare un modello sociale nel passato.  Ma oggi la sua originalità risiede nella radicale rottura con la moderna concezione del tempo, non più strutturata intorno alla teoria del progresso, bensì su una visione irenica del futuro, come la fine della civilizzazione. La temporalità regressiva verso un ideale Medioevo crea l’illusione che la storia possa essere ripetuta e rivissuta. In questa prospettiva, non deve sorprenderci che le fantasie apocalittiche nel lessico dell’estrema destra russa e di quelle occidentali siano convergenti. Appartengono alla stessa immaginazione storica, si nutrono degli onnipresenti temi apocalittici tipici della cultura medievale, ma se nell’Occidente il neomedievalismo dimora nel dominio dell’immaginazione, in Russia è diventato una parte integrale della pratica politica ufficiale.

di Dario D’Italia


Taglio basso

La battaglia di Rafah e i suoi nodi

di Dario D’Italia

L’offensiva a Rafah dovrebbe porre termine all’attuale fase della guerra di Gaza, ma senza un accordo diplomatico che tenga conto dei Palestinesi, Israele e l’intera regione rimarrà instabile ed esposta agli attacchi delle forze anti israeliane e anti occidentali.

Con la consapevolezza che per l’instabilità e la violenza della regione la “Questione palestinese” è spesso la maschera per altri fini egemonici e i nodi da sciogliere sono molteplici. Quindi, la guerra in corso tra Hamas e Israele va ricondotta nel suo specifico, ovvero la sconfitta di Hamas, ma anche raccordata con il quadro regionale dell’“asse di resistenza”. Bisogna perciò riprendere la grande strategia sionista delle guerre arabo-israeliane dal 1948 al 1973: vincere la guerra per offrire la pace.

La Zattera

Combattere il fuoco con il fuoco: la Guerra ibrida nel pensiero strategico cinese

di Dario D’Italia

L’escalation di Mosca con l’invasione dell’Ucraina ha rifocalizzato l’attenzione del mondo sulla guerra iniziata nel 2014 con l’annessione russa della Crimea e con la guerra per procura contro Kyiv nell’est dell’Ucraina. Il successo in Ucraina della Russia nel 2014 e le interferenze russe nelle elezioni delle democrazie occidentali, rivelarono una nuova forma di guerra che la Russia stava sperimentando: la Guerra ibrida. Un termine che è comunemente usato ma è spesso solo vagamente compreso. L’Esercito Popolare di Liberazione Cinese (Epl) ha recentemente iniziato a diffondere nella propria base una sua definizione della Guerra Ibrida, pubblicando una serie di articoli sul suo giornale ufficiale. Gli articoli non sono le prime pubblicazioni sul tema della Guerra Ibrida, ma questa serie è significativa per la sua organicità. La successione di articoli che il problema è stato studiato dall’intero Epl, e rappresenta l’esposizione più autorevole della concezione dell’Esercito cinese sulla Guerra Ibrida finora pubblicata.

Competizione egemonia, la guerra politica e le campagne ibride

La Commissione Militare Centrale, il Partito Comunista Cinese (Pcc), l’Esercito Popolare di Liberazione Cinese e gli apparati della Repubblica Popolare Cinese (Rpc) sono impegnati da anni nella definizione teorica, nell’articolazione operativa e nella comunicazione pubblica di una propria definizione della Guerra ibrida, con una serie di documenti pubblicati sui loro organi ufficiali.


I viandanti

Confini: cadono i cippi, sorgono i Firewall

Nelle nuove mappe topologiche, i cippi che segnavano il margine della pianura, là dove una volta rappresentavano i confini fisici di un territorio, sono stati travolti dalle grandi reti che alla fine del secolo scorso hanno unificato il globo. La globalizzazione ha unificato il pianeta con le sue reti commerciali, digitali, della finanza e delle comunicazioni. Le sovranità territoriali degli Stati sono state messe alla frusta.

Pietre d’Inciampo

Il ritorno dei grandi spazi

La Terra tra la teologia-politica dell’Anima, la Geoeconomia e il Welfare della Guerra

Le miliziane e i miliziani curdi in difesa di Kobane fanno riemergere fossili antropologici che risplendono nell’aurea del martirio  forze telluriche che contrastano l’orrore dell’annientamento perpetrato dalle milizie del Califfato del Levante, orda teologico-politica contemporaneamente pre e post moderna. Figure di combattenti primordiali, tenacemente sopravvissuti sia allo spaesante avvento delle modernizzanti statuazioni post coloniali, ammantate di neutralizzanti nazionalismi, sia al nientificante avvento delle moderne ondate della globalizzazione.